Dal 1977 al vostro servizio per il recupero e la conservazione delle murature intaccate da umidità

Il sistema Umiblok ® è la prima ed unica barriera che combatte l’umidità di risalita sulle murature senza nasconderla ma eliminandola definitivamente. norma con le vigenti leggi e certificato dall’università La Sapienza di Roma. Per qualsiasi spessore e tipologia di muraturasenza compromettere la staticità delle murature stesse. Idoneo anche in zone a rischio sismico con il parere favorevole della prima sezione del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici. Parere n. 361 delle adunanze del 24 Ottobre 1995 e del 19 Marzo 1996.

L’umidità di risalita capillare nelle murature

L’umidità di risalita capillare è il fenomeno forse più diffuso nelle murature che si manifesta in modo più o meno costante, nel corso di tutto l’anno. Sono interessate da questo fenomeno le murature poste a contatto diretto con terreni umidi, in genere a livello del piano di fondazione o, lateralmente, per i muri controterra. in quest’ultimo caso,l’acqua penetra nel muro lateralmente e poi risale per capillarità nelle pareti sovrastanti dell’edifico. I fenomeni di degrado e alterazione delle murature dipendono dalle loro caratteristiche di porosità e dalla presenza di sali e altri composti solubili che innescano delle corrosioni chimiche in concomitanza di azioni fisiche e meccaniche. Questi sali trasportati per capillarità (precipitano) cristallizzano quando l’acqua si porta verso l’esterno per evaporare. Se il processo di cristallizzazione è all’interno della muratura l’aumento di volume può provocare:

• Efflorescenze e sub-efflorescenze saline;

• Erosioni e distacchi degli intonaci e dei rivestimenti;

• Disgregamento delle malte e degli elementi che costituiscono le murature;

• Formazione di muffe e funghi;

• Macchia a “fascia” continua alla base delle murature;

muro_umido_5Uno dei sali con effetto più vistoso, è il solfato di magnesio. Questo sale al momento della cristallizzazione innesca un processo di forte espansione di volume provocando danneggiamenti alla muratura; tutto ciò si verifica anche sugli strati superficiali. Pertanto in tutti i casi è la presenza dell’acqua che innesca il fenomeno di alterazione della muratura e degli strati superficiali, ad esempio intonaci, rivestimenti, imbiancature, ecc. Tali inconvenienti possono essere completamente eliminati quindi solo se esistono le seguenti condizioni:

• Supporto impermeabile alla base della muratura disposto in senso orizzontale e per tutta la sezione;

• Perfetta continuità dello strato impermeabile;

• Utilizzo di materiali su cui non abbiano effetto le soluzioni saline, le correnti vaganti, ecc;

• Buona stabilità (alle dilatazioni termiche) è tenuta meccanica;

• Assoluta garanzia reale dei prodotti utilizzati e del sistema di applicazione.

Se tali condizioni non si verificassero, sarebbe come voler bloccare un corso d’acqua senza averne bloccato l’afflusso. Le altre fonti di umidità come ad esempio condensazioni, infiltrazioni, rotture di tubazioni idriche, ecc, sono inconvenienti completamente diversi dal fenomeno dell’umidità ascendente pur presentandosi con manifestazioni simili. Esaminare una muratura con lo scopo di verificarne l’esatta percentuale d’umidità esistente all’interno, il tipo di porosità e il grado di solubilità è estremamente difficile, in particolar modo trattandosi di edifici di vecchia costruzione, la cui composizione muraria può essere completamente diversa da posizione a posizione. La conoscenza esatta della tipologia dei contenuti esistenti in tutto l’interno della base muraria richiede numerosi accertamenti con conseguenti costi elevatissimi. L’analisi completa della struttura muraria, benché teoricamente interessante in pratica risulta piuttosto inutile perché gli effetti dell’umidità ascendente sono chiaramente già visibili all’esterno. Ciò che è importante è impedire che si verifichi il continuo processo d’assorbimento dell’acqua dal basso verso l’alto nella muratura. Perciò una volta realizzata una reale barriera all’umidità ascendente, il prosciugamento della muratura avviene con assoluta certezza, essendo stata interrotta l’alimentazione dal basso verso l’alto. Solo in quei casi in cui si verificano concentrazioni di efflorescenze saline sulle pareti è consigliabile fare un lavaggio con soluzioni desalinizzanti; la nuova intonacatura, dove necessaria, verrà eseguita con normali impasti da costruzione.

I nostri servizi

La nostra Gallery

Richiedi informazioni sui nostri prodotti e servizi